21 novembre 2017, San Donà di Piave (VE). Scrivere è Bellissimo.

Cosa vuol dire pubblicare? E cosa accade nella vita di un autore quando il proprio romanzo arriva per la prima volta sullo scaffale? In una raccolta di aneddoti tragicomici e riflessioni esistenziali, brevi letture dai tre romanzi pubblicati e confessioni finora tenute segrete, tenterò di spiegare e di spiegarmi ad alta voce l’esperienza vissuta nel ruolo che alcuni lettori mi hanno tributato: quello di scrittore. O presunto tale…

Evento organizzato dall’Uniper del Basso Piave. A San Donà di Piave (VE) presso l’Auditorium Da Vinci, martedì 21 novembre 2017 dalle ore 15.30. Con Francesca Boem (Pianoforte) e Daniela Boem (chitarra e voce). Ingresso libero.

Bellissimo è finalista al Premio letterario Città di Rieti Centro d’Italia.

Bellissimo è finalista al Premio letterario Città di Rieti Centro d’Italia, giunto quest’anno alla decima edizione, e per me è la preziosa conferma di aver fatto qualcosa di buono. Il romanzo è stato inserito da un comitato tecnico-scientifico nella cinquina dei finalisti accanto a Domani è un altro giorno di Laura Pariani (Einaudi), Le notti blu di Chiara Marchesi (Perrone), Appunti di meccanica celeste di Domenico Dara (Nutrimenti) e Orfanzia di Athos Zontini (Bompiani). Il voto per l’assegnazione del Premio è aperto a una giuria popolare (i moduli per iscriversi sono disponibili presso la Biblioteca Comunale Paroniana di Rieti).

Il 16 marzo 2018 presenterò il romanzo a due classi carcerarie della Casa circondariale cittadina e poi in un incontro aperto al pubblico. La premiazione finale è prevista per il 27 maggio 2018 nella cornice del Teatro Flavio Vespasiano.

Il Liceo Aleardi (Verona) è Bellissimo!

Ritornare a scuola, in un Liceo, venticinque anni dopo, è stato Bellissimo per davvero. La professoressa Annamaria Duce, che ha dato da leggere il romanzo a tutte le sue classi durante l’estate, mi aveva detto: «I ragazzi sono emozionatissimi. È la prima volta che vedono uno scrittore vivo!». E io mi sono sentito più vivo che mai, nell’Aula Magna dell’Istituto Aleardi di Verona, davanti a questi duecento ragazzi per un paio d’ore che sono volate via. Ho sentito il peso di tutte le risposte che ho dato loro, decidendo a un certo punto di lasciarle scivolare leggere purché arrivassero vere. Sono uscito da lì con la sensazione, la certezza, di aver imparato moltissimo.

Alberto Cappellato (Libreria Mondadori, Belluno) legge Bellissimo.

Quando un romanzo va fra la gente chi lo ha scritto lo perde, non gli è concesso di assistere alle reazioni emotive che suscita. Perciò scoprire da lontano qualcuno che legge Bellissimo mi ha regalato il piacere di chi osserva l’invisibile. Grazie per questo ad Alberto della Libreria degli Eddini (BL).

In Messico è nato Miguel, un bambino prodigiosamente bello. Santiago è suo fratello. Eccovi come inizia "Bellissimo" di Massimo Cuomo, edizioni e/o.#bebolettureMondadori Bookstore, via Mezzaterra 15 – Belluno

Pubblicato da Libreria degli Eddini – via Mezzaterra, 15 Belluno su Mercoledì 31 maggio 2017

28 ottobre 2017, Torre di Mosto (VE). Presentazione di Bellissimo.

Nel bel mezzo della Fiera di San Martino, con tutti i personaggi di Scovazze e dintorni che si preparano per mangiare la faraona e danzare con l’orchestra Sorriso, io porto Santiago e Miguel e un pezzetto di Messico a Torre di Mosto (VE), nella biblioteca comunale fra il municipio e gli stand gastronomici, che diventerà per un’ora come il piazzale dei Moya. Alle 16.30sabato 28 ottobre. In compagnia di Laura Presotto, che modererà l’incontro.

26 ottobre 2017, Castion (Belluno). BELLISSIMO BUONISSIMO!

Poi nascono idee e serate come questa. Dalla spinta di lettori appassionati che coinvolgono pizzaioli passionali che invitano clienti curiosi che mangiano pizze impastate sulle storie che scrivo, che racconto ad alta voce, che scorrono sulle note di artisti che suonano da Dio. E così, in un travolgente susseguirsi di incontri, Bellissimo diventa ancora di più. Diventa Bellissimo Buonissimo!

 

Le Personal Book Shopper su Bellissimo!

Si chiamano Gioia e Valentina e di mestiere fanno le “Personal Book Shopper“. In sostanza consigliano libri in base allo stato d’animo e al carattere del lettore, non alla quarta di copertina. Di Bellissimo hanno detto: «Tu lo amerai! Ovviamente solo se sei un impareggiabile sognatore che vive l’esistenza inseguendo la pienezza di ogni attimo e ogni emozione… sempre senza smancerie!».

Ecco l’intervista che ho rilasciato a Valentina Berengo. Ascoltabile anche in versione podcast da RadioBue.it, la web-radio degli studenti di Padova.