Bellissimo su Flanerì. La recensione di Francesca Ceci.

Esce su Flanerì, per la firma di Francesca Ceci, un’altra recensione a Bellissimo. Si dice: «I colori delle città e dei paesi attraversati, i personaggi fin dai loro nomi, le stranezze, le peculiarità, le credenze immotivate e i culti assoluti – dei vivi, dei morti – che altrove richiederebbero una spiegazione, in Bellissimo appaiono spontanei ed essenziali, indispensabili per accompagnare la storia e la vita della famiglia Moya». Ecco l’articolo completo.

Dal caldo del Basso Piave a quello del Messico. Nicola Piccoli su Bellissimo.

Ho un caro amico e un collaboratore prezioso che, da qualche settimana, parla di quello che legge in un blog che si chiama Heynick. Il suo nome è Nicola Piccoli e ha deciso di battezzare il proprio diario online con la recensione a Bellissimo, che attendevo con l’ansia con cui attendo il responso delle persone che conosco e che stimo. Beh, per dirla con le sue parole, “abbiamo vinto”.
Ecco il pezzo. Hey, Nick! Grazie!

La recensione di Righe Vaghe. Angela Del Prete su Bellissimo.

Angela Del Prete ha recensito Piccola Osteria senza Parole e, un anno e mezzo dopo, è venuta alla presentazione di Trieste per ascoltarmi raccontare di Bellissimo. A un certo punto ha alzato la mano per chiedermi rassicurazioni sullo stile del nuovo romanzo, che qualcosa non fosse andato perduto. Ho cercato di tranquillizzarla. Poi è tornata a casa, l’ha letto e, fra le altre cose, ha scritto: “Emerge questa passione che Cuomo ha per le parole in se stesse. Parole semplici, ma preziosissime, che messe tutte insieme fanno una melodia”. Ecco la recensione completa dal suo blog, Righe Vaghe.