Mercoledì 29 marzo. Tornare a parlare dell’Osteria per tornare in osteria. Valmareno (TV).

Domani sera torno in osteria, all’Osteria dei Bravi di Valmareno per la precisione. La colpa è di Flavio Nardi, un libraio di Pieve di Soligo che ha venduto più di cento copie del romanzo e mi manda una mail ogni volta che ne vende qualche copia in più. Vuole che continuiamo a parlarne perché dice che in Veneto non lo hanno ancora letto tutti…

A me poi è venuto in mente che avevamo una birra in sospeso con Marco Napoletano, un lettore di Vittorio Veneto che a un certo punto, verso fine gennaio, si è trovato in una libreria per bambini a soffiare dentro la sua armonica a bocca mentre leggevo pezzi del romanzo. Gli ho chiesto se volevamo berci quella birra (dai Bravi pare ne abbiano di buone) e se aveva voglia di soffiare ancora.

A moderarci, in tutti i sensi, ci sarà Elisa di Cocco e anche lei finisce in osteria per puro caso: è una professoressa di italiano, di origini meridionali, che ha avuto in sorte di trovarsi in mezzo a un discorso fra me e Flavio nella libreria di Pieve. Ha finito per tornare a casa con una copia del romanzo, sentire che questa storia la riguardava in qualche modo, e alla fine accettare l’invito: non l’ha mai fatto prima ma si prenderà il rischio di presentare questa serata letteraria.

Per cui mercoledì 29 marzo 2017 alle 20.45 sarò all’Osteria dei Bravi di Valmareno (TV) con Marco Napoletano ed Elisa di Cocco a raccontare ancora una volta Piccola Osteria senza Parole. Ed è tutto talmente improbabile che non ho dubbi: sarà una serata speciale.

Lascia un commento