Venerdì 20 gennaio. L’Osteria sul Treno di Bogotà. Vittorio Veneto (TV).

Dunque anche nel 2017 racconterò Piccola Osteria senza Parole. A poco meno di tre anni dalla pubblicazione eccomi di nuovo immerso nelle trame di questa storia che sembra non volermi lasciare andare. E ancora una volta lo spunto arriva da un lettore.

Marco Napoletano un giorno mi ha scritto “Bello. Davvero bello e divertente. Semplicemente grazie“.  Gli ho risposto e, come in passato, è successo qualcosa di inatteso. Così, venerdì 20 gennaio dalle 20.45, Marco mi accompagnerà con la sua armonica mentre racconterò e leggerò la Piccola Osteria. Accanto a noi ci sarà la chitarra preziosa di Alberto Turchetto, che di Marco è amico e compagno di suonate. E poi la voce di Vera Salton, moderatrice della serata e proprietaria della libreria dove tutto questo accadrà: Il Treno di Bogotà, che è un posto magico, nato quindici anni fa la notte delle streghe, una libreria per bambini dove c’è un treno per davvero in cui i bambini possono entrare a scoprire i libri.

Per la prima volta da quando la libreria si è trasferita nella nuova sede in Galleria IV Novembre (a Vittorio Veneto) racconteremo una storia ai grandi. Sperando di farli tornare un poco bambini, riportandoli a ritmo di musica e parole fra i campi di grano di Scovazze nell’estate calda del 1994. Questo invece per l’ennesima volta. L’ultima. Forse.

Quando? Venerdì 20 gennaio 2017, ore 20.45.
Dove? Libreria “Il Treno di Bogotà”, Galleria IV Novembre – Vittorio Veneto (TV).
Cosa? Presentazione e reading musicale di Piccola Osteria Senza Parole.
Chi? Con Massimo Cuomo, Marco Napoletano, Alberto Turchetto e Vera Salton.

Quattro bambini al Treno di Bogotà

 

Lascia un commento